Bitcoin è un „sostituto artificiale dell’oro“ secondo Charlie Munger di Berkshire Hathaway

Il vicepresidente della Berkshire Hathaway e investitore miliardario Charlie Munger rimane indifferente al recente rally di Bitcoin oltre i 50.000 dollari.

O Bitcoin che colpisce 50.000 dollari

In una recente intervista con il Daily Journal, Munger ha detto che non poteva decidere cosa fosse peggio – Tesla che potenzialmente raggiunge un valore aziendale di 1 trilione di dollari completamente diluito o Bitcoin che colpisce 50.000 dollari. Ha detto,

„Non posso decidere l’ordine di precedenza tra una pulce e un pidocchio, e mi sento allo stesso modo su queste scelte. Non so quale sia peggio“.

Come molti altri investitori, Munger non pensa che Crypto Cash finirà per essere il mezzo di scambio del mondo.

„È davvero una specie di sostituto artificiale dell’oro. E siccome non compro mai oro, non compro mai bitcoin“, ha detto l’investitore, raccomandando agli altri di seguire la sua pratica.

Munger ha continuato a paragonare la mania dietro il più grande bene digitale del mondo a una metafora di Oscar Wilde sulla caccia alla volpe. Secondo lui, è „la ricerca dell’indicibile da parte dell’indicibile“.

La tecnologia sottostante al Bitcoin è interessante

Molti nella comunità sono scesi su Twitter per affermare che Munger „non ha capito“ e che non capire la tecnologia sottostante è stata la ragione dietro la sua percezione negativa del bene.

Twitter è stata una comunità attiva per quelli nello spazio cripto per discutere e condividere le loro prospettive sul mercato e questo è qualcosa che preoccupa Sebastian Siemiatkowski, CEO della società bancaria svedese Klarna.

Siemiatkowski ha notato che la tecnologia sottostante al Bitcoin è interessante, ma teme che gli investitori al dettaglio saranno attirati dai tweet che esortano le persone a comprare la criptovaluta senza pensare ai rischi connessi.

„Se vado su Twitter e cerco bitcoin, vedo persone che scrivono: ‚Compra ora o perderai la più grande opportunità della tua vita'“, ha detto Siemiatkowski alla CNBC in un’intervista.

„Se prendessi le azioni di Klarna e le pubblicizzassi con una scritta simile, riceverei una multa o sarei addirittura messo in prigione“, ha aggiunto. „Sono molto sorpreso che i regolatori non stiano inseguendo questi elementi“.

Dieser Beitrag wurde unter Bitcoin veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.